#6 Una “Cintura Verde” tra Baviera e Boemia
9 agosto 2017
#7 Da Berlino a Lubecca: le 2 Germanie e i 4 RiCiclabili
22 agosto 2017

Di quello che sentì Cesar a metà viaggio

Quella mattina Cesar provò per la seconda volta la stessa sensazione di tristezza e abbandono quando i suoi amici e compagni di viaggio lo lasciarono in un paesino nella campagna della Repubblica Ceca.

La prima volta era stata a Pitigliano, quando pensava di prendere un autobus per tornare a casa, a causa del ginocchio sinistro risentito. A Pitigliano i suoi amici e compagni di viaggio lo lasciarono per proseguire il viaggio. Ovviamente non fu caricato con la bicicletta, ma quella non è questa storia.

Doveva aspettare l’autobus che l’avrebbe portato a Praga da Pippo per riparare la bicicletta. Il cerchio posteriore della bicicletta aveva ceduto e si era rotto in uno sterrato bellissimo in mezzo al bosco. E per non far aspettare e preoccupare gli altri, perché gli scocciava, considerò la proposta di Pippo come l’opzione migliore, cioè “sennò tu vieni dal buon Pippo che ti coccola per un paio di giorni mentre ripari la bici, tanto qua ci sono centinaia di negozi”.

Ma appena vide Pippo alla stazione, Cesar realizzò che gli amici non l’avevano abbandonato bensì affidato ad un altro caro amico, e una grande sensazione di allegria lo invase.

Ovviamente Pippo e sua moglie Nadia non solo l’ospitarono, ma lo sfamarono, lo portarono a giro e lo fecero sentire come se fosse a casa sua.

Dopo due giorni era ora di tornare con quei tre matti che facevano parte dei Riciclabili.

Felice di aver visitato Pippo e la Nadia che erano appena tornati dal viaggio di nozze, li salutò con due abbracci, uno alla Nadia la sera prima di partire, e l’altro a Pippo a metà mattina del giorno della partenza.

In treno ricevette due dimostrazioni d’affetto. La prima, una signora tirò fuori da una busta della spesa due pomodori  e li offrì al nostro passeggero e dopo circa trentadue minuti un peperone giallo. La seconda, in una fermata dal nome impronunciabile, salì una signora anziana e siccome Cesar era accanto alla porta a reggere la bicicletta, la ‍abuelita appena lo vide e gli passò accanto gli accarezzò la barba dicendo qualcosa di incomprensibile.

Scritto da Cesar

Comments are closed.

Italiano